Dove si trova l’anima?

Dove si trova l’anima?
Pubblicato il 6 novembre 2015 da webmaster

tratto dal libro di Jader Tolja e Divna Slavec, La malattia sana, edito da TEA.

Un metodo per scoprire dove si localizza l’anima nel corpo potrebbe essere quello di andare per esclusione. Dove si trova, nella testa, nel cuore o in un altro posto? Dal momento che l’anima non è un qualcosa che, a un certo punto dell’evoluzione del bambino o della specie, viene « somministrato » al corpo dall’esterno, nè qualcosa che compare improvvisamente al suo interno, per cercarla dobbiamo procedere a ritroso nella scala filogenetica (il processo evolutivo degli organismi viventi), tenendo conto che qualcosa che compare negli ultimi stadi dell’evoluzione non può essere la sede dell’anima.
Percorrendo all’indietro la scala evolutiva la prima sede da escludere è il cervello, perchè anche solo qualche stadio prima della sua comparsa abbiamo invece la notocorda, che è l’abbozzo del midollo spinale. Continuando ad andare a ritroso nel tempo, a un certo punto anche la notocorda sparisce.
Potremmo allora pensare al cuore, ma dall’embriologia, che per certi versi riassume la filogenesi, scopriamo che il cuore non è altro che un ispessimento e un’incurvatura di un pezzo di aorta, il nostro vaso arterioso principale. All’inizio c’è questo vaso arterioso, poi si ispessisce così che la parete arteriosa può comprimere il sangue con maggiore vigore, in seguito comincia a piegarsi a forma di « S » e i diversi tratti ad appiccicarsi gli uni agli altri, fino a raggiungere la forma che conosciamo come cuore. Allora non ha molto senso parlare di cuore come qualcosa di isolato e si dovrebbe estendere il concetto a tutto il sistema circolatorio. Ma, retrocedendo ulteriormente, anche il sistema circolatorio non c’è ancora, e quindi va anch’esso escluso. Continuando a ragionare in questo modo e` inevitabile giungere alla conclusione che la sede dell’anima, o del Sè, non può essere che tutto il corpo. Del resto lo scriveva già Tommaso D’Aquino, che « l’anima non è altro che la corporeità». Ed è il motivo per cui crediamo che fare un lavoro di conoscenza esperienziale della propria anatomia – avvalendosi delle varie tecniche, orientali oppure occidentali, che sviluppano e incoraggiano la percezione del proprio corpo, come la meditazione, lo yoga, lo shiatsu, il tai-chi o la terapia cranio-sacrale e il metodo Feldenkrais, solo per citare le più conosciute –, in realtà conduca alla scoperta della propria anima, del proprio Sè, di chi siamo veramente, al di là della definizione razionale di noi stessi che ereditiamo culturalmente.

Acquista il libro a prezzo scontato su Amazon.
L’anima sta nel mezzo ?
Certo che l’anima è incarnata nella mia corporeità. Propongo uno schema morfologico che vede il mio organismo tripartito ed in tre funzioni. L’dea è di Johannes Rohen, l’autore di Morphologie des menschlichen Organismus. La visione è di orientamento antroposofico.

Una funzione METABOLICA o di scambio di sostanze, una RESPIRATORIA CIRCOLATORIA o di trasporto e distribuzione e una di SCAMBIO DI INFORMAZIONI, il sistema nervoso e i sensi. A pensarci bene queste funzioni corrispondono ai tre strati germinativi o foglietti embrionali di cui siamo fatti. A grandi linee:
ENDODERMA organi e metabolismo
MESODERMA sangue, ossa, muscoli, fascia
ECTODERMA pelle e sistema nervoso
Di questi tre costituenti quello del mezzo, il MESO è quello ritmico. E la ritmicità, la pulsazione, la respirazione, le maree, i cicli non sono quelli che caratterizzano la Vita?
Allora forse l’elemento vitale, il PRIMO ORGANO (così ormai è definito dalla nuova visione embriologica e funzionale) che si forma nell’embrione E’ il SANGUE, che già si forma nelle lacune dell’endometrio materno, nella seconda settimana ed è in uno stato di quiescenza, una sorta di quiete biologica. Le cellule progenitrici del sangue derivano dal MESO e ad un certo punto, si mettono in movimento, vanno dappertutto e, cosa molto interessante, sono loro stesse con lo scorrimento-movimento crearno l’epitelio e i vasi che le conterranno. Dunque queste cellule (mesodermali primordiali) diventeranno il sangue che fluisce, i vasi che le conterranno (epiteli di arterie e vene) e forma organizzata a spirale nel cuore stesso. (vedi schema) tratto da Branko Furst. The Heart and Circulation An Integrative Model

Schermata 2015-10-25 alle 19.09.00

Il contenuto che crea il contenitore. Non potrebbe questa essere l’impronta del nostro sè, che è dappertutto e allo stesso tempo in nessun luogo, in costante flusso e riflusso.
A cura di Maderu

Tratto da Associazione Respirazione Primaria
http://www.craniosacrale.it

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: